scroll

Gestione delle campagne SEO: come migliorare il traffico organico

Watch Video

Banner 12

Progettare una campagna SEO efficace, con i continui cambiamenti dell’algoritmo di Google, non è più semplice come un tempo. Ci sono tuttavia alcune pratiche che possono aiutare un’azienda a raggiungere la prima pagina sui motori di ricerca e la quantità di traffico organico desiderata: ecco quelle che, secondo i nostri esperti, sono le più efficaci.

La gestione delle campagne di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) comprende la pianificazione, l’esecuzione e il monitoraggio degli obiettivi di marketing SEO organici. L’obiettivo è quello di raggiungere la prima pagina dei motori di ricerca (SERPS) per diverse parole chiave, aumentando così il numero dei visitatori di un sito web.

La SEO è una strategia a lungo termine che include l’individuazione di specifiche parole chiave, la creazione di contenuti interessanti che vengano fruiti e condivisi dagli utenti, la costruzione di un sito user-friendly e il miglioramento della user experience (UX) che porta a una maggiore conversione.

Ma come si può pianificare una campagna SEO efficace? Ecco alcuni passi da compiere per muoversi nella giusta direzione.

Prima di tutto, è necessario porsi degli obiettivi chiari e misurabili, che permettano ai team di marketing e comunicazione di conoscere la direzione in cui muoversi.

Gli obiettivi devono essere specifici, dettagliati, misurabili e devono avere una scadenza precisa.

La SEO si inserisce in diverse strategie di marketing, ma è importante che sia chiaro l’obiettivo finale, sia esso misurato in quantità di traffico, in rankings o in conversione.

Un altro passo importante è fare un’analisi del proprio sito web, che deve essere accessibile, ordinato, user-friendly e adatto ad essere visitato anche da dispositivi mobili.

Questa procedura di audit deve essere svolta dagli sviluppatori in team con l’esperto SEO dell’azienda, così che i cambiamenti apportati vadano a migliorare le performance generali del sito.

Può essere utile fare anche un’analisi della concorrenza, per capire come catturare l’attenzione degli utenti e per individuare eventuali lacune da soddisfare. Gli esperti di SEO sono le figure più indicate per fare questa analisi, poiché hanno gli strumenti per capire ciò che i clienti cercano, quali strategie sono più efficaci e quali parole chiave devono essere targettizzate.

Una volta individuate le lacune nel mercato, gli esperti SEO possono indicare gli ambiti in cui c’è possibilità di crescita e quali modifiche vanno fatte sul sito aziendale per attrarre nuovi clienti.

Inoltre, possono analizzare i dati per individuare problemi e punti deboli: grazie a queste informazioni, verificano la quantità di traffico generata da ogni contenuto, dove si classifica e quanto è rilevante.

Per farlo, i team devono guardare ai loro obiettivi SEO e determinare se ogni contenuto soddisfa il loro obiettivo, necessita di miglioramenti o deve essere rimosso.

Una volta raccolte queste informazioni, è necessario pianificare la creazione di contenuti di qualità, che sono fondamentali per ricevere più traffico organico.

Un buon contenuto è interessante, offre informazioni utili ed è ottimizzato in chiave SEO, ma senza ripetizioni eccessive di parole chiave che renderebbero la lettura faticosa e fastidiosa.

Le parole chiave devono adattarsi comodamente al contesto; è bene includere alcuni link ad altre pagine dello stesso sito, ma solo se rilevanti.

Aggiungere media come illustrazioni, fotografie, grafici e video ad un contenuto migliora la UX, dando un’idea di cura e professionalità.

Una volta creato il contenuto, è importante ottimizzarlo: URL, meta tag, meta description, title tag, link interni sono importantissimi per la SEO e determinano le performance di un risultato sui motori di ricerca.

In particolare, gli url che contengono le parole chiave sono molto efficaci, arrivando a quasi il 50% di clic in più rispetto a quelli che non le contengono.

Un’altra strategia include il link building, ed è molto efficace, soprattutto ora che il marketing online si basa largamente sulle community: il link building consiste nel far apparire un link al proprio sito su un’altra pagina web, o su un profilo social, attraverso collaborazioni che possano indirizzare community già fidelizzate verso il proprio contenuto.

Per farlo, si può decidere di destinare una parte del budget all’influencer marketing, o scrivere articoli e blog post interessanti su siti specializzati, così da portare i loro utenti verso il sito aziendale.

Infine, tenere traccia dei progressi fatti è di vitale importanza. Monitorare i progressi di una campagna SEO permette di verificare cosa funziona e cosa no e di aggiustare la direzione se i risultati non sono quelli previsti.

Con i numerosi componenti SEO e l’algoritmo in continua evoluzione di Google, potrebbe essere una buona idea affidarsi a un team di esperti SEO che pianifichino, gestiscano e monitorino le strategie mirate ad attirare un pubblico convertibile, a produrre contenuti di qualità e a raggiungere gli obiettivi.